• Le città più "cliccate"
  • Cerca la tua città

  • Roma
  • Milano
  • Torino
  • Napoli
  • Perugia
  • Palermo
  • Bergamo
  • Firenze
  • Alessandria
  • Bari
  • Bologna
  • Genova
  • Ancona
  • Arezzo
  • Brescia

Consigli e tecniche per una pecorina migliore

La-posizione-della-pecorina

E’ la posizione in assoluto più amata da tutti gli uomini, ma non da tutte le donne: la pecorina. E’ anche una delle posizioni più antiche e primordiali, che ricorda l’accoppiamento animale e dei primati.

E’ proprio per questa inclinazione un po’ bestiale che gli uomini la trovano molto eccitante, mentre alcune donne ne sono intimorite: in questa posizione infatti, non c’è il contatto visivo ed è l’uomo a condurre ritmo e gioco, cosa che fa sentire alcune donne dominate, talvolta anche oggetti sessuali.

In ogni caso, sebbene sia principalmente l’uomo a dettare il ritmo, la donna può gestire l’angolo di penetrazione, inarcando la schiena o alzando o abbassando il bacino. In più, può facilmente stimolarsi il clitoride, o stimolare il punto L del suo partner. Non va dimenticato che scegliendo la pecorina, si ha la possibilità anche di scegliere la via anale.

Esistono diverse varianti di questa posizione: quella più classica, definita dal Kamasutra come l’unione della Mucca, prevede che la donna sia inginocchiata carponi, mentre l’uomo da dietro sia chinato in avanti sulla schiena di lei; in questo modo i corpi sono molto vicini e l’uomo può facilmente accarezzare il seno della sua compagna (o, se molto prosperoso, sorreggerlo).

Un’altra variante della pecorina, vede la donna sdraiata prona e l’uomo sopra di lei: la penetrazione in questo modo è meno profonda ma i corpi così vicini, uno sull’altro, rendono la situazione molto eccitante. Per le donne che non amano la pecorina inoltre, questa rappresenta la soluzione per non sentirsi dominate o imbarazzate.

All’estremo opposto c’è la versione acrobatica della pecorina: la donna si trova carponi, ma una delle due gambe è sollevata e sorretta dall’uomo. Non è finita qui: la schiena della donna è inclinata in modo che la testa si appoggi a terra. Inutile dire che la penetrazione in questo modo è molto profonda, è possibile la stimolazione del clitoride e l’abbandono è pressoché totale.

Infine, vi sono le varianti in piedi, molto eccitanti non tanto per la posizione in sé, ma per la situazione in cui vengono messe in atto, che di solito sono sintomo di improvvise passioni nei posti più impensati: in ascensore, sotto la doccia, appoggiati a un muro o una ringhiera. Basterà che la donna inarchi un po’ la schiena per facilitare la penetrazione ed il gioco è fatto.