• Le città più "cliccate"
  • Cerca la tua città

  • Roma
  • Milano
  • Torino
  • Napoli
  • Perugia
  • Palermo
  • Bergamo
  • Firenze
  • Alessandria
  • Bari
  • Bologna
  • Genova
  • Ancona
  • Arezzo
  • Brescia

Dogging: in Gran Bretagna è boom del sesso all’aria aperta

dogging

Il sesso all’aria aperta non è certo una novità e, complice la bella stagione che sta arrivando, le occasioni di realizzarlo di certo non mancheranno. In un prato, un bosco, appoggiati a un muro condominiale, in terrazzo o in spiaggia, la scelta è molto ampia.

In Inghilterra però sta diventando una vera mania, ed ha anche un nome: dogging. Letteralmente, significa “portare fuori il cane” e si pratica nei parchi o in luoghi panoramici e si realizza esclusivamente con la consapevolezza di essere guardati.

La trasgressione è la parola d’ordine del dogging che consiste proprio nell’unione di due perversioni: fare sesso all’aperto spesso con sconosciuti ed essere guardati. Spesso però, i partecipanti all’azione si moltiplicano, sconfinando nel terreno dell’orgia all’aria aperta. A stare a guardare sono principalmente gli uomini mentre a praticare sono le coppie.

Ovviamente si può praticare anche in auto ed è fatto di appositi segnali per far capire cosa si vuole: la luce interna dell’auto accesa significa che si vuole essere guardati mentre un finestrino abbassato fa sapere che si è aperti a incontri più ravvicinati.

Insomma, nella terra dei prati e dei parchi sconfinati, si cede alle tentazioni. E’ diventato così diffuso che persino la protezione sanitaria del Kent ha emesso un annuncio sui siti a tema, per invitare i partecipanti ad usare le dovute precauzioni. “Non stiamo qui a dare giudizi morali, né a dire alla gente come deve comportarsi” dice infatti Mathi Chandrakumar direttore dell’unità sanitaria, “Quello che diciamo è che avere rapporti sessuali senza protezione con sconosciuti è un rischio sanitario”.

Manco a dirlo, sono nati siti web dedicati al dogging: uno di questi ha già collezionato ben 22.000 utenti mentre un altro, in poche settimane di vita, ha raccolto oltre 700 iscrizioni.

Su questi siti si possono trovare sia i luoghi d’incontro più popolari, che i punti di osservazione migliori. Fra questi ultimi, è menzionata persino la stazione Beker Street della metropolitana di Londra, dove esiste un punto in cui è possibile godere della visuale sotto le gonne delle pendolari che passano. Ma il luogo preferito dai londinesi sembra essere Regent Park.

Ma attenzione, in Inghilterra fare sesso all’aperto non è reato a patto che il luogo scelto sia abbastanza appartato e che chi guarda abbia il permesso di chi viene guardato. Ma in Italia non è così: da noi è punibile anche accoppiarsi in macchina a meno che non si coprano i finestrini in qualche modo.