• Le città più "cliccate"
  • Cerca la tua città

  • Roma
  • Milano
  • Torino
  • Napoli
  • Perugia
  • Bergamo
  • Palermo
  • Firenze
  • Alessandria
  • Bari
  • Bologna
  • Genova
  • Ancona
  • Arezzo
  • Brescia

Invecchiamento: il sesso fa bene al cervello

sesso-terza-età

Quando si pensa al sesso, sicuramente le prime immagini che vengono in mente sono quelle di uomini e donne giovani; è si perché il sesso è sicuramente più frequente in età giovanile piuttosto che in età avanzata. Ma non va dimenticato che in realtà il sesso fa bene a tutte le età, compresa la terza.

Terza età e sesso sembrerebbero non avere legami di alcun tipo ed invece il loro rapporto è estremamente positivo: fare sesso durante la terza età aiuta a mantenere giovane il cervello.

A rivelarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Age and Ageing e condotto da Hayley Wright e Rebecca Jenks, esperte dell’Università di Coventry. La ricerca ha però evidenziato come i benefici siano però diversi a seconda che si tratti di uomini o di donne.

Le due ricercatrici hanno esaminato 6800 persone, comprese in una fascia di età che va dai 50 agli 89 anni. Il campione è stato così sottoposto a test per la valutazione delle capacità cognitive. E così si è scoperto che gli uomini e le donne che hanno dichiarato di aver fatto sesso nell’anno precedente, si trovavano in uno stato di salute migliore e non soffrivano di depressione.

Ma c’è di più: gli uomini sessualmente attivi hanno ottenuto i migliori risultati nei test che prevedevano  la capacità di ricordare le parole e le sequenze numeriche. Nelle donne invece, la vita sessuale attiva ha avuto benefici soltanto nella capacità di ricordare le parole.

Al campione è stato chiesto poi di riferire la frequenza dei loro rapporti sessuali: i pazienti che dichiaravano di avere rapporti sessuali più frequenti superavano di ben due punti nei test chi aveva dichiarato una frequenza minore, e di ben 4 punti chi dichiarava di non averne affatto. Chi dichiarava di avere rapporti ogni settimana infatti, non incontrava poi difficoltà nello svolgere test sulla memoria e sull’attenzione.

Wright e Jenks spiegano il fenomeno citando gli ormoni: “E’ possibile che i risultati dipendano da ormoni che influenzano in modo diverso il funzionamento del cervello” dicono infatti le studiose, “Dunque le funzioni cognitive, negli uomini rispetto alle donne”.

Ma per gli scienziati, il collegamento tra attività sessuale e cervello rimane sostanzialmente un mistero: molto probabilmente tutto ciò è dovuto a dopamina e ossitocina che vengono liberati durante un rapporto e che inviano segnali al cervello.

Si può comunque affermare che il sesso durante l’invecchiamento è un toccasana che tocca sia la sfera prettamente fisica che mentale.