• Le città più "cliccate"
  • Cerca la tua città

  • Roma
  • Milano
  • Torino
  • Napoli
  • Perugia
  • Bergamo
  • Palermo
  • Firenze
  • Alessandria
  • Bari
  • Bologna
  • Genova
  • Ancona
  • Arezzo
  • Brescia

Le magie dello zenzero: il figging

figging

Lo zenzero ha molte proprietà benefiche per l’organismo: antisettiche, digestive, antinfiammatorie e stimolanti. Ma forse non tutti sanno che la radice di zenzero ha anche altri effetti sull’organismo e può essere usata anche per scopi più ludici.

Specialmente in campo BDSM, la radice di zenzero è utilizzata per mettere in pratica un gioco non cruento ma alquanto piccante: il figging. In sostanza consiste nel prendere una radice di zenzero fresca, pelarla e modellarla come se fosse un plug anale, scegliere le dimensioni adatte ricordandosi però di lasciare la base più larga, e poi utilizzarla per penetrare il/la partner. Tutto ciò causerà un bruciore e un calore intenso e improvviso che durerà dai 15 ai 30 minuti, in relazione alla freschezza dello zenzero e del tempo in cui viene tenuto inserito.

Detto così potrebbe sembrare un gioco dalle conseguenze nefaste ma non è così: tutto ciò non lascia conseguenze permanenti nella persona che lo subisce, non ha controindicazioni particolari essendo lo zenzero un alimento dalle molte proprietà benefiche ed anzi, pare sia capace di provocare orgasmi intensi poiché il calore, partendo dalla parte interessata, si propaga in tutto il corpo. La risposta orgasmica però, varia da persona a persona: i sensi comunque sono notevolmente amplificati in risposta alla sensazione diffusa di calore, per cui si intensificano anche le contrazioni muscolari che mano a mano diventano involontarie, esattamente come quelle orgasmiche. Alcuni, per triplicarne gli effetti, immergono la radice già sbucciata in acqua fresca prima di inserirla

L’unica raccomandazione che può essere fatta per chi decide di provare ad avventurarsi insieme allo zenzero, è quella di iniziare sempre con delicatezza e dimensioni giuste.

Chi lo ha provato, riferisce che le sensazioni e le emozioni possono essere così intense ed incredibili da spingere i soggetti che ne sono “vittime” ad implorare l’amplesso che smorzi il caldo prurito di cui sono pervasi, fino addirittura alle lacrime.

Questa pratica è conosciuta fin dalla notte dei tempi ma era utilizzata in ambito ippico con il nome di faguering o gingering: commercianti di cavalli senza scrupoli, per nascondere la vera età dei loro animali, usavano infilare un pezzetto di radice di zenzero nel loro ano. Il bruciore improvviso costringeva i cavalli ad alzare la coda, scalpitare ed avere un’erezione. In questo modo i commercianti riuscivano a far sembrare i loro cavalli più giovani, almeno ad un primo esame superficiale.

Si racconta che questa pratica fosse in voga anche in Inghilterra in epoca vittoriana, dove lo zenzero veniva utilizzato in questo modo per punire gli studenti disobbedienti.

Ad oggi il figging è una pratica sconosciuta ai più, ma ben nota nel mondo BDSM e può essere messa in atto sia nell’ano, nella vagina oppure premendo la radice contro il clitoride. Non rimane che provare.