• Le città più "cliccate"
  • Cerca la tua città

  • Roma
  • Milano
  • Torino
  • Napoli
  • Perugia
  • Palermo
  • Bergamo
  • Firenze
  • Alessandria
  • Bari
  • Bologna
  • Genova
  • Ancona
  • Arezzo
  • Brescia

Sesso Amante vs Sesso Coniuge: cosa (e quanto) si fa con uno e con l’altro

sesso coniuge amante

Il 90% dei tradimenti è a scopo puramente sessuale, questo perché ad un certo punto, nella coppia, la routine di tutti i giorni finisce con l’anestetizzare la libido. Ed allora ecco che si comincia a guardarsi attorno.

Non tutti ovviamente passano all’azione, ma chi lo fa ha pochi dubbi: il sesso con l’amante è migliore di quello con il coniuge.

E così Gleden, il sito web leader in Italia per gli incontri extraconiugali, ha deciso di scavare a fondo la questione e di interrogare i suoi iscritti, chiedendo ai diretti interessati che cosa fanno in concreto con l’amante e con il coniuge.

Dai risultati emersi, pare che l’amore adultero renda più disinibiti e trasgressivi, tanto che il 78% delle persone intervistate, ha dichiarato di aver provato pratiche come il bondage, sex toys, ménage a trois, solo una volta usciti dal talamo nuziale. Volendo farne una classifica si può dire che l’uso dei sex toys si attesti al primo posto con il 49%, segue il bondage con il 28%, terzo gradino per il sesso anale con un buon 24%. Continuando a scalare la classifica, il 9% degli intervistati ha dichiarato di aver provato per la prima volta con il proprio amante il sesso a tre (o più), mentre il 6% ha sperimentato delle pratiche BDSM.

Pare proprio che il sesso extraconiugale sia più libero e trasgressivo, grazie a componenti come il gusto del proibito, la sfida e il piacere. Tutti questi elementi si traducono in aumento esponenziale degli orgasmi, quelli femminili ovviamente: con l’amante succede nel 62% dei casi mentre con il coniuge si arriva solo al 21%.

Anche la frequenza dei rapporti cambia: gli infedeli fanno sesso più spesso di chi lo pratica con il coniuge, parliamo di almeno 2 volte a settimana (42%), più di due volte a settimana (6%), mentre con il coniuge si fa sesso una volta a settimana (55%) ma anche mai (19%).

Anche parlando di preliminari l’amante batte il coniuge: per il 72% degli intervistati un bacio dell’amante basta per accendere i desideri, contro il 13% che subisce lo stesso effetto dai baci del partner ufficiale. Il 67% degli intervistati ha dichiarato poi che i preliminari con l’amante vengono svolti quasi ogni volta, contrariamente a quanto avviene con il partner ufficiale, in di solito, si passa direttamente al sodo.

La sessuologa Juliette Buffat commenta i risultati del sondaggio affermando che tutto ciò succede perché spesso, il desiderio di essere amati dal proprio partner, inibisce gli impulsi più spontanei per paura di reazioni negative. Ma la sessuologa si spinge oltre: “a volte”, spiega, “è il partner stesso che decide di negare la propria generosità a letto, imbrigliando la nostra sessualità nella routine per paura di non poterla controllare. E questo è valido in particolare per gli uomini: poiché una donna sessualmente appagata e disinibita, potrebbe rendersi conto di avere delle voglie e dei desideri che un uomo solo difficilmente può saziare”.