Punto G: verità e bugie

Categorie

Raggiungere l’orgasmo può essere molto difficile o molto facile. Fortunatamente, c’è una zona magica caratterizzata da un’estrema sensibilità per rendere tutto più facile. Tutti hanno un punto G. Un luogo che se stimolato aiuta a raggiungere l’estasi del piacere.

Prima di tutto, è una zona interna sia negli uomini che nelle donne. Prende il nome dal suo scopritore, Ernst Gräfenberg, un ginecologo tedesco residente a New York. Questa “scoperta” non ha nemmeno cento anni, dato che è stata fatta nel 1940.

Punto G femminile


Nel caso femminile si trova all’interno della vagina. A pochi centimetri dall’ingresso, nella parte anteriore, ha una consistenza spugnosa. Quando si tratta di stimolarlo, è relativamente semplice. Può essere fatto da solo o con altri.

Con le proprie dita è forse il più facile. Basta inserire il medio e l’anulare e una volta dentro piegarli. Aggiungendo un po’ di lingua a questi movimenti mentre si estrae e si inserisce di nuovo, la donna probabilmente finirà per gemere. Pertanto, per stimolare queste aree, le posizioni migliori sono di solito sdraiati sulla schiena o in stile pecorina. Una formula che può finire con il noto squirting. Anche se non tutte sono in grado di farlo, si tratta di un’eiaculazione “squirting”.

Piacere estremo garantito


È vero che il punto G è una zona molto sensibile. Ma contrariamente alla credenza popolare, non funziona come un pulsante. È un mito che solo toccandolo, il piacere è istantaneo.

Vorremmo che funzionasse così. Il piacere sarebbe molto più intenso ma forse un po’ più noioso perché sarebbe così facile da raggiungere. Tali aspettative portano spesso a delusioni sessuali più tardi nella realtà. Quindi è importante sperimentare e provare. Ognuno è diverso e si diverte in modo diverso.

È l’unico “punto” speciale del corpo?
È importante ricordare che sì, questa zona è sensibile e ha bisogno di essere stimolata. Ma allo stesso modo, molti sessuologi ed esperti parlano anche dei punti A, K, U… Infatti, ci sono molte altre zone erogene e persino fantasie e fetish capaci di provocare un orgasmo. Quindi, è meglio combinarlo con altre cose per garantire il piacere. Per esempio, oltre i genitali, ci sono il collo, le orecchie, i capezzoli, il lato b e persino i piedi. È tutta una questione di lasciarsi andare, provare e sperimentare come ci si sente. Conoscere il proprio corpo e quello del proprio partner è fondamentale.

Punto G maschile


Anche gli uomini hanno un punto G. Nel loro caso si trova vicino alla ghiandola prostatica. Questo significa che può essere stimolato solo attraverso una zona che può essere “tabù” per alcuni uomini: l’ano. A pochi centimetri al suo interno si trova il famoso punto G maschile, capace di provocare un piacere intenso. Sì, è vero, per provarlo è necessaria la penetrazione, proprio come nel caso della vagina. Con le dita, il pene o l’aiuto di un giocattolo erotico può essere un’esperienza molto gratificante. Quindi con la fiducia, la comunicazione, il desiderio e un po’ di lubrificante, gli orgasmi sembrano essere garantiti.

La diversità è importante


Oggi ci sono molte persone che negano la vera esistenza del punto G. Ma ha davvero importanza se esiste o no? Ciò che è veramente importante è scoprire cosa ti piace veramente tra le lenzuola e fuori dal letto. Bisogna solo trovare uno spazio in cui rilassarsi, mettersi comodi e da soli o accompagnati o con un sex toy, un oggetto o un lubrificante, può iniziare il concerto di orgasmi.